Polizza vita: cos’è e come funziona

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Ci sono momenti nella vita che vorremmo non dover mai affrontare, ma inutile negare la realtà: per quanto brutti e inaspettati potrebbero verificarsi. Un’assicurazione vita ti permette di affrontarli in modo più sereno grazie a un concreto sostegno economico.

La nostra vita è fatta di momenti molto felici: un nuovo lavoro, un matrimonio, un regalo. Ma, la nostra vita è fatta anche di momenti imprevedibili e meno piacevoli, in grado di infliggere dolori emotivi e gravi problemi economici. La soluzione è tutelarti il più possibile, anche con un sostegno economico. Un modo efficace è pensare di stipulare una polizza vita.

Polizza vita: cos’è?


Una polizza vita è un contratto tra te e una compagnia assicurativa con diverse formule di tutela. Infatti, non parliamo solo di effetti in caso di decesso dell’assicurato, ma anche del pagamento di un capitale o rendita nel caso in cui l’assicurato sia ancora in vita alla scadenza del contratto. Queste diverse possibilità offrono all’assicurato la sicurezza di un certo tenore di vita per sé e la sua famiglia.

Soggetti e oggetti della polizza vita

La polizza vita è un contratto individuale, vi è quindi un solo soggetto assicurato. Ma, è anche una forma di tutela per le persone che ami, perché potranno ricevere la liquidazione del capitale come previsto dal contratto.
Alla sottoscrizione puoi designare uno o più beneficiari.

Il capitale non è pignorabile né sequestrabile e non è soggetto al pagamento delle imposte di successione ed è escluso dall’asse ereditario.

L’assicurazione richiede il pagamento di un premio che può essere unico (unica soluzione) o ricorrente (frazionato annualmente, semestralmente…).

I premi di una polizza vita sono detraibili fiscalmente.

Diversi vantaggi a sostegno di situazioni che possono rivelarsi spiacevoli per te o i tuoi cari. Per questo motivo, esistono diverse tipologie di polizze vita che puoi stipulare in base alle tue esigenze.

Polizza caso vita

Una polizza caso vita prevede il pagamento di un capitale o di una rendita nel caso in cui l’assicurato sia ancora in vita alla scadenza del contratto. Si tratta di un investimento fatto per ottenere, scaduto il contratto, un’integrazione del reddito.

La polizza caso vita può avere una durata che varia da 5 anni a 30 anni.

In caso di morte dell’assicurato con contratto ancora valido, i premi versati vengono liquidati ai beneficiari.

Polizza a vita intera (senza scadenza)

Esistono polizze a vita intera definite senza scadenza perché il pagamento avviene al momento della morte dell’assicurato.

Queste polizze nel settore assicurativo fanno riferimento al Ramo I (Gestioni Separate) e Ramo III (Unit Linked, Index Linked e Multiramo). Nel primo caso, i premi sono investiti in una Gestione Separata, cioè un fondo creato dalla compagnia di assicurazione. Si tratta di investimenti più cauti,
meno legati alle fluttuazioni di mercato. Nel secondo caso, il rendimento è collegato al valore di quote di fondi interni assicurativi o fondi esterni.

Polizza temporanea caso morte (TCM)

La polizza temporanea caso morte è finalizzata a dare un sostegno economico ai nostri cari, perché prevede la liquidazione del capitale dopo il decesso dell’assicurato.

Un tipo di polizza che può rivelarsi utile:

  • Nel caso in cui l’assicurato costituisca la principale fonte di reddito
  • Nel caso in cui ci siano figli in giovane età
  • Nel caso di attivazioni di mutui o prestiti

Polizza mista

In ultimo, parliamo di una polizza mista che comprende sia il caso vita sia il caso morte.

Quindi, se alla scadenza del contratto l’assicurato è ancora in vita, riceve il pagamento del capitale.

Se, invece, l’assicurato viene a mancare, i beneficiari riscuotono il capitale.

Nel caso in cui tu decida di sottoscrivere una polizza vita avrai la possibilità di:

  • Scegliere il capitale da assicurare
  • Definire la durata della polizza
  • Aggiungere coperture quali malattia grave o invalidità permanente
  • Frazionare il premio
  • Detrarre dall’Irpef i premi della polizza
  • Scegliere i beneficiari
Condividi sui social!
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Articoli correlati

Furto in casa: come difendersi

Le ore trascorse fuori casa sono molte e uno degli incubi peggiori per gli italiani è quello di rientrare in casa e trovarla sottosopra a causa di una visita non gradita da parte dei ladri.

Leggi di più